La prossima manovra finanziaria

Doveva essere da 23 e invece sarà da 30 miliardi la manovra economica che ci attende. Una di quelle che si potrebbe a giusta ragione definire “lacrime e sangue” e che invece il nostro giovane premier, assistito dalla sua innata inclinazione al pensiero positivo, trasforma in una politica economica col segno + appunto, a favore di crescita e occupazione. L’annuncio, arrivato a sorpresa, soprattutto del Ministro Padoan, dal palco degli Industriali di Bergamo, precede di poco il Consiglio dei Ministri di domani (o dopodomani?) che svelerà i numeri reali della legge di stabilità 2015.

La cifra imponente che quelli di Via XX settembre devono trovare passa in secondo piano quando Renzi snocciola i benefici che imprese, lavoratori e anche Comuni dovrebbero trarne, per un taglio complessivo delle tasse di 18 miliardi, “il maggiore di sempre”, rivendica Renzi:

    per tre anni i contributi di tutti i nuovi assunti a tempo indeterminato saranno a carico dello Stato (1 miliardo)
    Irap per le imprese integralmente deducibile dalla base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive
    a partire dal 2015 verrà cancellata dall’Irap la componente lavoro (6,5 miliardi)
    allentamento del Patto di stabilità interno (1 miliardo)
    anticipo facoltativo del Tfr in busta paga (ferma restando la determinazione a procedere a un accordo con le banche)

“La riduzione del Patto di stabilità interno per 1 miliardo a favore degli enti locali è certo un passo significativo nella direzione del superamento del Patto” ,ha dichiarato Piero Fassino, Sindaco di Torino e Presidente dell’ANCI. “Così come sono certamente significative le annunciate riduzioni fiscali a favore di imprese e lavoro. In tale scenario attendiamo che la legge di stabilità superi la farraginosità e la opacità dell’attuale sistema della fiscalità locale, attribuendo ai Comuni una fiscalità semplice e in esclusiva“.

bannercorsi

campagna adesione2019

ASFEL

Associazione Servizi Finanziari Enti Locali

Via Lepanto, 95 - 80045 Pompei (NA)

C.F. 90080340632 - P.I. 08339801212

. E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

. Fax: 081 011 2874

Top
Questo sito utilizza cookie di profilazione propri e di terzi per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Utilizza anche cookie analytics propri e di terzi al fine di effettuare statistiche e monitoraggi sull'utilizzo del sito. Continuando a consultare ASFEL.it o chiudendo questo popup, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie Dettagli…