Il piano sull'edilizia scolastica

Nei giorni scorsi la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha pubblicato sul proprio sito gli elenchi dei Comuni che beneficeranno di finanziamenti per l’edilizia scolastica.
Poiché sono diversi i Comuni che chiedono delucidazioni al riguardo, in attesa che la Presidenza del Consiglio ed il MIUR pubblichino sui propri siti istituzionali le FAQ per rispondere alle domande più ricorrenti, si ritiene utile dare alcuni chiarimenti.

Il piano predisposto dal Governo è suddiviso in tre diversi tipi di finanziamento: Scuole nuove; scuole sicure; scuole belle.
Scuole nuove: sono  404 interventi che saranno esclusi dal  vincolo del patto di stabilità per le annualità 2014 e 2015. I Comuni individuati sono stati inseriti nei DPCM del 13 e 30 giugno 2014.
Si tratta delle risposte che i Sindaci hanno inviato direttamente al premier Renzi a seguito delle richieste del 3 marzo e  del 16 maggio u.s., tra queste sono stati individuati i comuni che hanno segnalato di avere opere immediatamente cantierabili e di poter effettuare gli interventi esclusivamente con risorse proprie e per le quali sbloccare il patto senza chiedere nessun altro tipo di finanziamento.

Questi Sindaci riceveranno una comunicazione dalla Ragioneria  dello Stato per le procedure gestionali.
Scuole sicure: sono interventi di messa in sicurezza  finanziati con la riprogrammazione dei Fondi di sviluppo e coesione 2014-2020 a seguito della delibera CIPE del 30 giugno scorso, come previsto  all’art. 48, c.2 della L. 89/14.
Si tratta di interventi già presenti nelle graduatorie regionali predisposte  per il  DL Fare n. 69/13, convertito nella L. 98/13, art. 18, c. 8 ter.
Per acquisire i finanziamenti  gli appalti dovranno essere aggiudicati entro il 30 ottobre 2014.Per questi interventi i Sindaci e Presidenti di Provincia operano in qualità di commissari  governativi come già previsto nel dpcm del 22 gennaio 2014.
Scuole belle: si tratta di interventi di piccola manutenzione e giardinaggio che saranno finanziati con i risparmi delle convenzioni per gli appalti di pulizia CONSIP.

Le risorse andranno direttamente alle scuole, per questo sarà opportuno un raccordo tra i dirigenti scolastici ed i Comuni per la migliore finalizzazione delle risorse.
Nei prossimi giorni, la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il MIUR pubblicheranno sui propri siti istituzionali  l’elenco delle scuole dei comuni che rientrano in tale tipologia di intervento.
La Presidenza del Consiglio inoltre invierà, a breve, una ulteriore  comunicazione a quei Sindaci che hanno richiesto  finanziamenti e lo sblocco del patto  dal 2015, e le cui richieste per il momento non sono state accolte, indicando ulteriori forme di finanziamento cui poter far riferimento

bannercorsi

campagna adesione2019

ASFEL

Associazione Servizi Finanziari Enti Locali

Via Lepanto, 95 - 80045 Pompei (NA)

C.F. 90080340632 - P.I. 08339801212

. E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

. Fax: 081 011 2874

Top
Questo sito utilizza cookie di profilazione propri e di terzi per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Utilizza anche cookie analytics propri e di terzi al fine di effettuare statistiche e monitoraggi sull'utilizzo del sito. Continuando a consultare ASFEL.it o chiudendo questo popup, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie Dettagli…