Le centrali di committenza

Da oggi, 1° luglio 2014, i Comuni non capoluogo di provincia (circa 7mila enti) non potranno più acquisire beni, servizi o lavori per proprio conto, bensì dovranno rivolgersi a una Centrale unica di committenza, sebbene l’Anci abbia richiesto una proroga dell’entrata in vigore della norma per evitare il blocco del sistema degli acquisti. Lo dispone l’art. 9, comma 4 del decreto-legge 66/2014, convertito dalla legge 89/2014. Obiettivo del provvedimento, ridurre il numero esorbitante delle centrali di committenza per razionalizzare e ridurre i costi di gestione del sistema. Di conseguenza, i Comuni saranno tenuti ad acquistare beni e servizi e assegnare lavori nell’ambito delle Unioni comunali, costituendo un accordo consortile ad hoc, ricorrendo a un qualsivoglia soggetto aggregatore o alle Province. Agli enti che non rispetteranno le nuove regole l’Autorità di vigilanza sui contratti pubblici non rilascerà più il Cig (Codice identificativo gara).

bannercorsi

campagna adesione2019

ASFEL

Associazione Servizi Finanziari Enti Locali

Via Lepanto, 95 - 80045 Pompei (NA)

C.F. 90080340632 - P.I. 08339801212

. E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

. Fax: 081 011 2874

Top
Questo sito utilizza cookie di profilazione propri e di terzi per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Utilizza anche cookie analytics propri e di terzi al fine di effettuare statistiche e monitoraggi sull'utilizzo del sito. Continuando a consultare ASFEL.it o chiudendo questo popup, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie Dettagli…