Verso la legge di stabilità

“La piena disponibilità del ministro Padoan ad aprire immediatamente un confronto che porterà, dalla fine di agosto, all’avvio di cinque tavoli tecnici su: patto di stabilità, residui attivi, criteri che favoriscano gli investimenti locali, completa titolarità del fisco patrimoniale per i Comuni, concertazione sul nuovo sistema di riscossione e sulla riforma del catasto”. Il tutto con l’obiettivo “di individuare le migliori soluzioni in vista della definizione della prossima legge di stabilità”. Questo il risultato ottenuto da una delegazione dell’Anci che questa mattina ha incontrato il ministro dell’Economia, Piercarlo Padoan, e il ragioniere generale dello Stato, Daniele Franco, negli uffici di via XX Settembre. A riferire l’esito dell’incontro è stato il presidente dell’Anci, Piero Fassino, al termine della riunione odierna della Conferenza Unificata.

“L’Associazione ha innanzitutto posto la necessità di fare del 2015 l’anno del superamento del patto di stabilità, anche alla luce – ha spiegato il leader dei sindaci - dell’entrata in vigore del nuovo sistema di contabilità che, superando la distinzione tra cassa e competenza rende ancora più stringenti i vincoli di equilibrio di bilancio e consente di superare il patto”. Altra questione segnalata dai Comuni è quella “dell’esigenza di un provvedimento che consenta – ha precisato Fassino - di gestire secondo piani pluriennali i residui attivi che i Comuni hanno accumulato in questi anni e che con il nuovo sistema contabilità devono essere regolati”.

Altrettanto importante è per l’Anci la “contemporanea definizione di criteri relativi alle politiche di investimento che – è la certezza del sindaco di Torino - possano consentire ai Comuni di avere una possibilità di investimento maggiore di quella degli ultimi anni”.

Altro punto essenziale sollecitato dall’Anci, che sarà al centro del confronto tecnico subito dopo la pausa feriale, riguarda la titolarità esclusiva in capo ai Comuni della fiscalità patrimoniale. “Con il 2015 va superato quella concorrenza di titolarità tra Stato e Comuni che finora ha caratterizzato Imu e Tasi: se un tributo locale deve esistere – ha evidenziato il presidente Anci - è bene che sia nella completa disponibilità dei Comuni”.
Infine, nel pacchetto proposto dai Comuni, vi è spazio per la  richiesta di concertazione costante su due provvedimenti di grande importanza: da un lato “il nuovo sistema di riscossione dei tributi che la legge prevede debba entrare in vigore proprio dal 2015; e dall’altro – ha concluso Fassino – sul nuovo catasto la cui riforma è stata recentemente adottata con legge delega”

bannercorsi

campagna adesione2019

ASFEL

Associazione Servizi Finanziari Enti Locali

Via Lepanto, 95 - 80045 Pompei (NA)

C.F. 90080340632 - P.I. 08339801212

. E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

. Fax: 081 011 2874

Top
Questo sito utilizza cookie di profilazione propri e di terzi per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Utilizza anche cookie analytics propri e di terzi al fine di effettuare statistiche e monitoraggi sull'utilizzo del sito. Continuando a consultare ASFEL.it o chiudendo questo popup, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie Dettagli…