L’organizzazione del personale ai tempi del coronavirus

L’organizzazione del personale ai tempi del coronavirus

L’articolo 87 del d.l. 18/2020 che riporto in estratto per comodità di seguito spiega con chiarezza quali sono gli ordini di priorità per l’organizzazione delle attività lavorative di ogni dipendente.

Il lavoro agile è la modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa nelle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, che, conseguentemente limitano la presenza del personale negli uffici per assicurare esclusivamente le attività che ritengono indifferibili e che richiedono necessariamente la presenza sul luogo di lavoro, anche in ragione della gestione dell’emergenza;

La prestazione lavorativa in lavoro agile può essere svolta anche attraverso strumenti informatici nella disponibilità del dipendente qualora non siano forniti dall’amministrazione.

Qualora non sia possibile ricorrere al lavoro agile, le amministrazioni utilizzano gli strumenti delle ferie pregresse, del congedo, della banca ore, della rotazione e di altri analoghi istituti, nel rispetto della contrattazione collettiva. Esperite tali possibilità le amministrazioni possono motivatamente esentare il personale dipendente dal servizio.

Quindi, in ordine:

    Negli uffici ci devono essere solo i dipendenti necessari per assicurare le attività che ciascun ente ha ritenuto “indifferibili”;
    Il lavoro agile è la modalità ordinaria, normale, di svolgimento della prestazione lavorativa. Ogni azione per dare questa possibilità è valida: utilizzo del pc di proprietà del dipendente, utilizzo di un pc fornito dall’ente, spostamento a cura dell’ente del pc dall’ufficio a casa del dipendente;
    Se tutto ciò non è possibile si passa alla fase successiva. Le amministrazioni devono utilizzare gli strumenti delle ferie pregresse, del congedo, banca delle ore, della rotazione o altri istituti. Tra questi “altri istituti” ritengo ci possa stare benissimo anche l’orario multiperiodale, peraltro da attivare senza tante formalità. Nel concetto di “rotazione” (termine un po’ stringato) ci sta anche sicuramente la modifica temporanea della mansioni. Nel concetto di “ferie pregresse” ci stanno quelle maturate e non godute riferite ad anni precedenti. Nel concetto di “congedo” ci stanno le ferie dell’anno in corso. Sotto quest’ultimo aspetto, quello delle ferie, ricordo che, a prescindere da eventuali considerazioni da parte sindacale, è pacifico che è dovere del datore di lavoro programmare le ferie (sempre, non solo in questi tempi) e pertanto si ritiene il datore possa, nelle more dell’attivazione del lavoro agile (e anche in tempo successivo), ricorrere anche almeno a parte delle ferie 2020; ciò evitando di essere penalizzante nei confronti del lavoratore, ma innanzitutto in considerazione delle preminenti esigenze di servizio e del proprio dovere di programmazione.
    Solo dopo, solo alla fine, solo al termine, solo dopo averle provate tutte, solo quando non abbiamo più forze, solo quando non troviamo altre soluzioni, solo quando siamo sconfitti… solo allora si può “motivatamente esentare il personale dipendente dal servizio”. Che, innanzitutto, non vuol dire per sempre o fino al termine dell’emergenza. “La motivazione” è dove bisogna concentrarsi. Perché di fatto, con una norma di questo tipo, si rischia di venir chiamati a dare giustificazione del fatto che l’ente sta pagando dei lavoratori che ha deciso di lasciare a casa. Quindi, su quella parola “motivatamente” bisogna passarci i giorni e le notti e solo quando si è sereni di aver combattuto la giusta battaglia per trovare altre soluzioni e ci si è resi conto di averla persa, solo in quel momento si può procedere con la sospensione dal servizio. Ciascuno con le proprie e importanti responsabilità.

www.gianlucabertagna.it

bannercorsi

campagna adesione2019

ASFEL

Associazione Servizi Finanziari Enti Locali

Via Lepanto, 95 - 80045 Pompei (NA)

C.F. 90080340632 - P.I. 08339801212

. E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

. Fax: 081 011 2874

Top
Questo sito utilizza cookie di profilazione propri e di terzi per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Utilizza anche cookie analytics propri e di terzi al fine di effettuare statistiche e monitoraggi sull'utilizzo del sito. Continuando a consultare ASFEL.it o chiudendo questo popup, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie Dettagli…